Home > Turismo > Turismo rurale > Il 2017 sarà l’anno dei borghi italiani

Il 2017 sarà l’anno dei borghi italiani

l'anno dei borghi italiani

Il 2017 sarà l’Anno dei borghi, anima ed eccellenza dell’Italia e delle Alpi. Lo ha deciso il Ministro Dario Franceschini che ha firmato il Decreto del Mibact per valorizzare il patrimonio artistico, naturale e umano dei borghi, luoghi definiti nel Piano Strategico di Sviluppo del Turismo come una componente determinante dell’offerta culturale e turistica del Paese. La direttiva costituisce il Comitato per i Borghi turistici italiani e avvia l’elaborazione di linee guida e modelli per favorire l’organizzazione di un Forum Nazionale sui Borghi, realizzare l’Atlante dei Borghi d’Italia e lanciare il riconoscimento annuale di borgo smart per la comunità locale dimostratasi più attiva nell’ambito dell’innovazione dell’offerta turistica.
“I borghi che costellano il territorio delle nostre regioni – sottolinea il Ministro Franceschini – ricchi di storia, cultura e tradizioni, sono il cardine per la crescita di un turismo sostenibile, capace di creare autentiche esperienze per i visitatori e di permettere lo sviluppo armonico delle comunità che vi vivono.

L’Anno dei Borghi sarà un momento importante per promuovere queste realtà che tanto contribuiscono alla qualità della vita nel nostro Paese”.
BORGHI ALPINI. PERCHE’ IL RITORNO ALLA MONTAGNA E’ POSSIBILE
Uncem Piemonte ha inviato al Ministro Franceschini, ai Sottosegretari e diversi contatti istituzionali il volume “Borghi alpini. Perché il ritorno alla Montagna è possibile che illustra oltre cento casi di valorizzazione di borgate montane piemontesi, con interventi già realizzati grazie a fondi UE e investimenti di privati cittadini o di Comuni, ma anche potenziali nuovi borghi sui quali operare.

Il sito www.borghialpini.it, in vista delle azioni del Ministero per la valorizzazione dei borghi, è stato aggiornato con nuovi contenuti e nuovi casi di diversi Comuni montani piemontesi: 80 finora quelli coinvolti e “schedati”. Altri verranno inseriti su segnalazione degli Enti locali e di professionisti che stanno intervenendo.

Fonte: mountainblog.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *